arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

27/1/2020 - Fatture tax free e corrispettivi telematici: chiarimenti delle Entrate

SeacInfo Fiscale
Fatture tax free e corrispettivi telematici: chiarimenti delle Entrate
Con Risposta 24 gennaio 2020, n. 13, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito agli adempimenti cui sono tenuti gli operatori commerciali che emettono fatture tax free.In particolare, l'amministrazione finanziaria ha precisato che se il corrispettivo è certificato dall'emissione della fattura tax free, non occorre procedere alla memorizzazione elettronica e trasmissione telematica del corrispettivo e all'emissione del documento commerciale; i due documenti infatti sono tra loro alternativi.Se il cedente, oltre ad emettere la fattura tax free, memorizza e trasmette telematicamente all'Agenzia delle Entrate il dato del corrispettivo giornaliero (ed emettere quindi il documento commerciale), al fine di dare evidenza che si tratta di una duplicazione della documentazione del medesimo corrispettivo, può:conservare copia della fattura tax free, sulla quale annotare il riferimento del documento commerciale emesso per certificare la medesima cessione;nonché tenere memoria del citato documento nell'apposito registro.

27/1/2020 - Fatturazione elettronica per i servizi resi da cooperativa sociali di tipo B

SeacInfo Fiscale
Fatturazione elettronica per i servizi resi da cooperativa sociali di tipo B
Con Risposta 24 gennaio 2020, n. 12, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito ai termini di emissione di una fattura da parte di cooperative sociali di tipo B, analizzando il caso specifico di una cooperativa che si occupa di servizi di prima accoglienza per i cittadini stranieri richiedenti asilo.In particolare, qualsiasi cooperativa o consorzio, aggiudicatario di un appalto nel servizio di accoglienza dei richiedenti asilo, deve rendicontare ogni spesa alla Prefettura e alla Ragioneria territoriale dello Stato. Le fatture devono essere vistate dal direttore dell'esecuzione del contratto (per garantire la regolare esecuzione del servizio reso) e devono essere corredate da adeguata documentazione, tra cui i registri delle presenze degli ospiti, il numero dei pasti e beni forniti (compreso il pocket money), i contratti di subappalto e fornitura. Infine la fatturazione dei servizi resi, è subordinata al rilascio del nulla osta che ne attesti la regolare esecuzione e la liquidazione degli importi autorizzati, che può avvenire anche oltre 180 giorni dall'esecuzione del servizio.L'Agenzia, ha precisato che tali cooperative possono adottare, indistintamente, due modalità operative, ovvero:fatturare a fine mese la prestazione resa. Inviare la fattura allo SdI entro il termine di 12 giorni, attendere la ricezione del nulla osta ed inviare una nota di credito e/o integrazione conforme al nulla osta;emettere una fattura a ricezione del nulla osta con invio allo SdI entro i termini per le prestazioni rese fino a 180 giorni prima.

27/1/2020 - Istruzioni per la compilazione delle Comunicazioni obbligatorie: campo 'CCNL'

SeacInfo Amministrazione del personale
Istruzioni per la compilazione delle Comunicazioni obbligatorie: campo 'CCNL'
Con notizia apparsa sul sito www.cliclavoro.gov.it, è stato reso noto che qualora nella compilazione di una Comunicazione obbligatoria il CCNL di riferimento per un rapporto di lavoro non sia rinvenibile nell'elenco dei contratti collettivi nazionali presenti o non trovi corrispondenza tra le informazioni di cui alla tabella 'livello retributivo', occorre selezionare la voce del contratto collettivo nazionale 'ND'.Si precisa che permane l'obbligo di indicare una retribuzione minima annuale in misura maggiore a 0.

27/1/2020 - Crediti di lavoro: decorrenza della prescrizione

SeacInfo Amministrazione del personale
Crediti di lavoro: decorrenza della prescrizione
In tema di crediti di lavoro, l'INL ha affermato che il personale ispettivo deve considerare solo quelli il cui termine quinquennale di prescrizione non sia ancora maturato. Ai fini delle ispezioni, il termine di prescrizione dei suddetti crediti decorre anche in costanza di rapporto di lavoro, a meno che non siano intervenuti atti interruttivi.Con Nota n. 595 del 23 gennaio 2020, l'Ispettorato ha precisato che in presenza di interruzioni della prescrizione, il personale ispettivo potrà adottare la diffida accertativa anche per crediti risalenti, purché non siano ancora decorsi 5 anni dall'ultimo atto interruttivo.

27/1/2020 - Promozione per reiterata assegnazione a mansioni superiori se giustificata da esigenze strutturali

SeacInfo Amministrazione del personale
Promozione per reiterata assegnazione a mansioni superiori se giustificata da esigenze strutturali
La Corte di Cassazione ha affermato che la reiterata e sistematica assegnazione del lavoratore a mansioni superiori, anche se frazionata, fa scattare la promozione qualora sia collegata ad esigenze strutturali dell'impresa.Con l'Ordinanza n. 1556 del 23 gennaio 2020, la Suprema Corte ha precisato che, ai fini del riconoscimento della promozione, è sufficiente la prova di un'iniziale programmazione da parte del datore dei molteplici incarichi e della predeterminazione utilitaristica di tale comportamento.

27/1/2020 - ANF: rinviate ad aprile le nuove modalità di compilazione dell'Uniemens

SeacInfo Amministrazione del personale
ANF: rinviate ad aprile le nuove modalità di compilazione dell'Uniemens
In merito alle novità introdotte nel corso del 2019 sulla modalità di presentazione delle domande di assegno al nucleo familiare, l'INPS con il Messaggio n. 261 emanato il 24 gennaio 2020 comunica che l'obbligatorietà della compilazione dell'elemento "InfoAggCausaliContrib" del flusso Uniemens è posticipata al periodo di competenza aprile 2020.L'Istituto conferma inoltre le indicazioni fornite con il Messaggio n. 4283/2019 in merito al conguaglio di importi ANF arretrati oltre i 3.000 euro, per i quali i datori di lavoro dovranno procedere all'invio di un flusso di regolarizzazione.

27/1/2020 - Tutele del lavoro subordinato per i riders

SeacInfo Amministrazione del personale
Tutele del lavoro subordinato per i riders
Si applicano le norme e le tutele del lavoro subordinato ai c.d. riders, i fattorini che per mezzo di bici e moto sono incaricati di fare le consegne a domicilio, i quali non sono quindi da ritenersi un tertium genus tra autonomia e subordinazione.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 1663 del 24 gennaio 2020, secondo la quale tale estensione si applica ai ciclofattorini le cui prestazioni sono personali, continuative e organizzate dal committente, anche con riferimento ai tempi e al luogo del lavoro.

27/1/2020 - Reverse charge per soggetti identificati direttamente in Italia: interpello

SeacInfo Fiscale
Reverse charge per soggetti identificati direttamente in Italia: interpello
Con Risposta ad interpello 24 gennaio 2020, n. 11, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti ad una società, residente in Polonia identificatasi direttamente ai fini IVA in Italia, che svolge attività di intermediazione e intende effettuare servizi nell'ambito del recupero di materiali 'end of waste'.L'Agenzia ha precisato che per la prestazione di servizi di intermediazione a clienti italiani, è previsto l'assolvimento dell'imposta da parte del cessionario/committente tramite reverse charge, con integrazione della fattura emessa senza IVA.Trattandosi peraltro nel caso di specie di attività di recupero di materiali 'end of waste', l'Agenzia sottolinea che si tratta di operazioni di cui all'articolo 74, settimo comma, D.P.R. n. 633/1972, "oggettivamente" rientranti nel meccanismo dell'inversione contabile, per le quali quindi gli obblighi IVA sono sempre in capo al committente.

27/1/2020 - Iper ammortamento e noleggio di macchinari a clienti italiani che operano temporaneamente all'estero

SeacInfo Fiscale
Iper ammortamento e noleggio di macchinari a clienti italiani che operano temporaneamente all'estero
Con Risposta ad Interpello 24 gennaio 2020, n. 14, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all'agevolazione dell'iper ammortamento in caso di beni agevolabili dati a noleggio a clienti che li utilizzano temporaneamente presso cantieri esteri.Nel caso di specie, l'istante chiede se a tale circostanza possa essere applicato l'art. 7, comma 4, D.L. n. 87/2018, con cui è previsto che l'agevolazione dell'iper ammortamento sia riconosciuta anche qualora i beni agevolati siano per loro stessa natura destinati all'utilizzo in più sedi produttive e, pertanto, possano essere oggetto di temporaneo utilizzo anche fuori del territorio dello Stato.L'Agenzia delle Entrate ritiene che il caso di specie non rappresenta una delocalizzazione temporanea dei beni a struttura situata all'estero, in quanto i beni mantengono un nesso funzionale con l'attività di impresa svolta sul territorio nazionale. Pertanto sui beni in esame l'agevolazione dell'iper ammortamento non decade.

Top