arrow--linkarrow-calendar--leftarrow-calendar--rightattachmentcalendar-eventclock--outlineclockclose_modal_windowcloud_uploaddeadlinedownloademail--shareemailfacebookfaxgoogle-plus--framegoogle-plusinstagramlink--externallinklocationlogo-confcommercio--fidilogo-confcommercio--venezialogo-confcommerciomarker--offmarkerphonepinterestsearch--whitesearchteacherstwitterverifiedyoutube
Comunicazione

SeacInfo

SeacInfo

22/8/2019 - Country by country reporting: modifica allo scambio automatico di informazioni

SeacInfo Fiscale
Country by country reporting: modifica allo scambio automatico di informazioni
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2019, n. 194, il Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 8 agosto 2019 relativo alle modifiche sullo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale.La modifica interessa la precedente normativa in materia di 'Country by country reporting', ovvero l'obbligo per le società residenti in Italia, che controllano gruppi multinazionali, di trasmettere all'Agenzia delle Entrate un rapporto con i ricavi e gli utili lordi, le imposte pagate e maturate e gli altri indicatori dell'attività economica. A seguito delle novità interessate, il MEF potrà richiedere all'Agenzia delle Entrate i dati inerenti la rendicontazione, utilizzandoli per analisi economiche ed elaborazione di statistiche a supporto delle attività del Ministero.

22/8/2019 - Non condannabile il datore che omette di versare i contributi previdenziali se i suoi maggiori clienti sono falliti

SeacInfo Amministrazione del personale
Non condannabile il datore che omette di versare i contributi previdenziali se i suoi maggiori clienti sono falliti
Il datore di lavoro che si trova in un'assoluta impossibilità di adempiere al versamento dei contributi previdenziali non è condannabile qualora i suoi clienti più importanti siano falliti.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 36278 del 21 agosto 2019, secondo la quale, in accoglimento del ricorso presentato dall'imputato, l'imprenditore deve essere scriminato solo ove dimostri che la crisi che ha colpito l'azienda non gli sia imputabile e non vi sia possibilità alcuna di superarla.

22/8/2019 - Illegittimo il licenziamento del lavoratore che rivolge una volgarità in dialetto al capo

SeacInfo Amministrazione del personale
Illegittimo il licenziamento del lavoratore che rivolge una volgarità in dialetto al capo
La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 21549 del 21 agosto 2019, ha statuito l'illegittimità del licenziamento del lavoratore accusato di essersi rivolto al proprio dirigente con una frase volgare in dialetto, in quanto non si configura una limitazione della libertà morale del capo.Secondo i giudici, infatti, non si ha insubordinazione nel caso di un dipendente che protesta avverso la propria azienda in quanto vittima di un prolungato inadempimento retributivo. Non assume alcun rilievo il fatto che qualche anno dopo il lavoratore sia incarcerato per il compimento di gravi reati.

22/8/2019 - Sì alla reintegra anche se l'assistenza del disabile non copre l'intera giornata di permesso 104

SeacInfo Amministrazione del personale
Sì alla reintegra anche se l'assistenza del disabile non copre l'intera giornata di permesso 104
La Cassazione ha confermato la reintegra del lavoratore licenziato sulla base dell'accusa di aver violato la Legge n. 104/1992 sui permessi per assistere un familiare in stato di grave disabilità. Con Sentenza n. 21529 del 20 agosto 2019, la Corte precisa che la reintegra deve intervenire anche qualora il lavoratore non abbia offerto assistenza al familiare disabile per l'intera giornata di permesso concessagli dall'azienda.

Top